fbpx

3 strumenti professionali per il web marketing dello stabilimento balneare

Hai completato la costruzione del tuo stabilimento balneare, o ne hai appena rilevato uno da un ex gestore. Avrai condotto le necessarie analisi di mercato per prendere le tue decisioni, in tutta tranquillità e con delle idee precise su come gestirlo, attirare e coccolare i clienti. Cosa manca, adesso?

Per far sì che il tuo business sia florido, che l’attività parta e prosegua nel migliore dei modi, dovrai dedicarti al marketing dello stabilimento balneare, facendo in modo di raggiungere il tuo pubblico nei posti in cui è più presente. Uno di questi luoghi, in linea generale, è internet, e tra gli strumenti che ti aiutano a posizionarti al meglio, renderti reperibile con facilità, ce ne sono 3 fondamentali: Google, Facebook e le newsletter.

Si tratta di strumenti gratuiti e a pagamento: in base a quello di cui hai bisogno potrai decidere se utilizzare solo funzioni gratuite oppure se investire delle somme in pubblicità, annunci, promozione. È chiaro che un investimento economico ti garantirà, con una probabilità maggiore, dei risultati migliori rispetto all’utilizzo gratuito, ma esiste una fondamentale differenza tra la pubblicità su internet e quella tradizionale, dalla pagina di giornale al cartellone pubblicitario su una strada cittadina, provinciale o statale.

Strumenti come Facebook, Google o le newsletter, infatti, ti permettono di definire il tuo pubblico con un grado altissimo di precisione. Pensa infatti a quanto vario può essere il pubblico di un cartellone pubblicitario o di uno spot televisivo: uomini o donne, bambini, adulti o anziani, chiunque percorra la strada su cui affaccia il cartellone o sia davanti al televisore, in quel momento. Isolare una categoria è praticamente impossibile, e rivolgersi solo a una di esse restringerà troppo il tuo target. Per questo motivo, per attirare l’attenzione, dovrai probabilmente rinunciare a un po’ di forza comunicativa, di personalizzazione.

Riuscendo a stabilire in anticipo a quale pubblico rivolgerti, invece, potrai concentrare le tue energie sulla strategia migliore per attirare proprio quel pubblico, per poi misurare l’efficacia della tua comunicazione, migliorare o modificare il messaggio e instaurare così un circolo virtuoso. Vediamo nel dettaglio come tutto questo è possibile.

Google per il web marketing

Se non hai ancora un sito web, col quale fare pubblicità alla spiaggia, puoi iniziare creando un account su Google My Business. Un profilo basilare gratuito della tua attività, che dà a chiunque usi la rete di ricerca Google delle informazioni fondamentali: nome, recapiti telefonici ed email, indirizzo, orari di apertura e tipologia di servizi offerti, posizione sulla mappa.

Insieme a queste informazioni (e all’eventuale link al sito, quando lo avrai attivato), potrai inserire delle foto dello stabilimento, oppure evidenziare quello che rende la tua attività unica, diversa dalle altre. Perché un cliente dovrebbe scegliere la tua spiaggia, piuttosto che quella di un concorrente distante solo pochi chilometri?

Tramite il profilo Google My Business e altri strumenti professionali, inoltre, potrai non solo trovare clienti “passivamente”, lasciando che siano loro a cercarti su Google, ma anche rivolgerti direttamente a loro: questa e tante altre funzioni sono disponibili in un due potentissimi strumenti chiamati Google Analytics e Google Ads. È una piattaforma che, in sintesi, ti permette di creare annunci pubblicitari personalizzati a partire dalle stesse esigenze del tuo pubblico. Ma come è possibile conoscere prima che cosa cercano e desiderano i clienti?

Quando una persona cerca qualcosa su Google, e digita determinate parole chiave (ad esempio, “spiagge con ristorante a Bari”), il motore di ricerca memorizza le informazioni ricercate, e accumulando ricerche su ricerche, riesce a tracciare un profilo personalizzato della persona. Impara a conoscere gusti, preferenze, e crea un enorme archivio con questi dati. Quando tu vorrai creare un annuncio pubblicitario che conduca al tuo sito, per far conoscere la tua spiaggia, potrai utilizzare le stesse parole chiave usate dai tuoi potenziali clienti. Google Ads ti guiderà nella creazione di un annuncio efficace e mirato e Google Analytics ti permetterà di analizzare i risultati ottenuti: potrai quindi elaborare una strategia di marketing unica, personalizzata, tracciabile.

Investire del budget pubblicitario negli strumenti di Google è sicuro: non sprecherai denaro perché pagherai solo per i risultati ottenuti, ad esempio per ogni click su uno dei tuoi annunci.

Facebook per il web marketing

Al pari di Google, Facebook è uno strumento potentissimo per procacciare e fidelizzare i clienti. Non è un motore di ricerca (non esattamente) ma un social network, cui può accedere solo chi è iscritto, ma una fetta incredibilmente ampia dei tuoi potenziali clienti ha un profilo su Facebook.

Oltre a permettere la registrazione di profili personali, Facebook ti permette di creare una pagina dedicata al tuo stabilimento, sulla quale puoi inserire le stesse informazioni di Google My Business ma non solo. Facebook, infatti, è un diario sul quale puoi pubblicare testi, foto e video e raggiungere tutti i tuoi fan – le persone che volontariamente seguono la tua pagina – e tutte le persone che ancora non lo fanno ma che tu vuoi attirare.

Anche su Facebook, infatti, è possibile fare pubblicità, investendo delle cifre abbordabili e molto più basse rispetto a quelle che spenderesti su altri mezzi (giornali, radio o TV, per esempio). Come su Google, anche su Facebook sarai in grado di ritagliare esattamente il pubblico che cerchi, ma in modo forse ancora più semplice.

Tantissimi utenti di Facebook, infatti, dichiarano volontariamente i propri interessi: cosa amano fare nel tempo libero, quali luoghi amano visitare, cosa leggono, mangiano, dove vanno in vacanza. Come amministratore di una pagina Facebook, e di un relativo account business, potrai accedere a queste informazioni e creare annunci pubblicitari che raggiungano le persone che desideri, con gli interessi che loro stesse hanno dichiarato.

Così facendo, il tuo potenziale ritorno sull’investimento sarà più alto perché potrai “rivolgere” il tuo budget in una direzione ben precisa, senza disperderlo per raggiungere pubblico non interessato a ciò che fai o vendi.

Le newsletter

Le newsletter sono uno tra gli strumenti più longevi ed efficaci del web marketing, sebbene vengano periodicamente date per morte. Sintetizzando, una newsletter è semplicemente un messaggio che, a intervalli regolari e in base alle preferenze espresse, una persona riceve nella sua casella di posta elettronica.

Un cliente, ad esempio, potrebbe aver visitato il tuo sito e vorrebbe rimanere sempre informato sulle attività che il tuo stabilimento organizza, senza dover visitare ogni giorno il sito stesso: in cambio del suo indirizzo email e del suo consenso, potrai inviargli periodicamente delle comunicazioni, o delle curiosità, raccontandogli nel dettaglio tutto ciò che riguarda la tua attività.

Esistono tanti software per permetterti di ricercare, immagazzinare gli indirizzi dei clienti e inviare in maniera semi-automatica le email: Mailchimp e Mailup sono solo due tra i più utilizzati, a pagamento, e ti danno la possibilità di strutturare messaggi personalizzati sulla base di modelli, predefiniti ma modificabili.

Le professioni del web marketing

Tutte queste attività, come puoi immaginare, rappresentano delle vere e proprie professioni, per le quali è necessario ricevere una formazione specialistica. Per promuovere il tuo stabilimento balneare al meglio, via Google, Facebook o con le newsletter, hai quindi due opportunità:

  1. puoi formarti personalmente, o formare il tuo personale, e gestire la comunicazione internamente
  2. affidarti a un’agenzia di professionisti, che saprà proporti la strategia migliore e che racchiude tutte le professionalità delle quali c’è bisogno: chi fa le indagini di marketing, chi scrive i testi, chi si occupa di grafica, di video.

Qualunque sia la strada che avrai scelto, un’accurata strategia di web marketing non potrà che giovare ai tuoi affari. E sul web, più che altrove, avrai la possibilità di aggiustare continuamente il tiro, avvicinandoti sempre più alla perfezione.

Condividi:


Come riempire uno stabilimento balneare anche nella bassa stagione
Come fare ad aprire uno stabilimento balneare: leggi, burocrazia, consigli
Il caso del lido di Pescaria a Trani, boom di prenotazioni con Cocobuk
previous arrow
next arrow
Slider
Cocobuk Manager

Tutto quello di cui hai bisogno per gestire la tua spiaggia e le prenotazioni online.

Scopri di più