fbpx

Quali attrezzature è bene avere nel proprio stabilimento balneare

Gestire uno stabilimento balneare comprende tante e diverse attività, implica sapersi organizzare al meglio e tener conto di tante cose, tante delle quali abbiamo già trattato in precedenza:

Dopo l’edificazione dello stabilimento, e prima di poter iniziare ad accogliere i clienti, è necessario dare alla struttura l’aspetto che desideri: rispetto ai tuoi gusti estetici e considerando anche le aspettative dei clienti, ciò che fa la concorrenza. Conoscere, infatti, è fondamentale per sapere come muoversi, come rendere il proprio lido unico. Non una scelta tra i tanti disponibili, l’uno troppo simile all’altro, ma una scelta decisa, consapevole.

 

L’arredamento dello stabilimento balneare

Gli elementi fondamentali dell’arredamento per stabilimenti balneari sono presto detti:

  • ombrelloni, sedie a sdraio e lettini;
  • chioschi in legno, soprattutto per i bar o per ricreare zone d’ombra artificiali, laddove non ci fossero alberi o pinete in grado di ricreare dell’ombra naturale;
  • tavoli e sedie per il bar e per il ristorante, se il tuo stabilimento ne possiede uno: se non ne sei dotato, vuoi trovare alcuni buoni motivi per includerlo in un progetto di ampliamento o ristrutturazione, leggi i nostri consigli;
  • eventuali complementi per rendere particolari i tuoi ambienti: panchine o fioriere, ad esempio, o altri arredi da esterni come tavolini e pergolati;

docce, sciacquapiedi e servizi igienici.

Gli ombrelloni sono il primo elemento distintivo, tra i più riconoscibili di uno stabilimento. Devono quindi essere esteticamente gradevoli ma soprattutto proteggere dal calore e dai raggi ultravioletti. Per l’asta e le parti rigide potrai scegliere tra il legno, opportunamente trattato per resistere a caldo, umidità e salmastro, oppure l’alluminio, più resistente agli agenti atmosferici – ma si scalda più rapidamente.

La tela, invece, potrà essere in cotone, nylon, paglia vera o finta: la scelta estetica dipenderà unicamente dall’atmosfera che hai in mente per il tuo lido. Più rustico o “cittadino”, più chic ed elegante o “hawaiano”.

Arredamento Spiaggia propone un vasto assortimento di lettini, abbinabili a differenti modelli di sdraio, di poltrone e, naturalmente, di ombrelloni.

I lettini sono anch’essi realizzati in legno o alluminio e tele, naturali o sintetiche. Se quelle sintetiche sono più semplici da pulire e resistono meglio agli agenti atmosferici, si scaldano più facilmente, e soprattutto chi ama stare molto tempo sdraiato al sole potrebbe preferire un fondo di cotone, più fresco ma più soggetto a macchiarsi.

I migliori lettini, poi, hanno un tettuccio e uno schienale regolabili a diverse altezze e sono leggeri da trasportare. Se è certamente vero che dev’essere il bagnino ad aprirlo, quando si arriva in spiaggia, il cliente deve essere libero di spostarlo dove preferisce da sé.

Ombrelloni e lettini, come anche le sedie a sdraio, andranno scelti in coordinato – dare un’immagine chiara e univoca, uniformando gli stili, lascia un ricordo molto positivo nella mente del cliente, nel quale ispira professionalità, serietà. Tutti questi elementi, poi, potranno essere personalizzati: un colore particolare, una fantasia o un logo ben realizzato possono fare la differenza tra uno stabilimento balneare anonimo e quel lido che è sulla bocca di tutti.

 

Pulizia e manutenzione dello stabilimento balneare

Tra le attrezzature che non possono mancare, in uno stabilimento balneare, figurano quelle per la pulizia e la manutenzione della spiaggia, almeno per quella ordinaria e da eseguire durante la stessa stagione estiva:

  • motospazzatrici e lavapavimenti, che gli addetti alle pulizie possano usare alla chiusura o prima dell’apertura del lido;
  • idropulitrici, ad acqua calda o fredda, per lavare rapidamente superfici dall’ampia metratura;
  • eventuali macchine puliscispiaggia, per ripulire la lingua di sabbia e il bagnasciuga dalle alghe e dalla sporcizia portata a riva dal mare.

Dotarsi di tali attrezzature vuol dire anche ritagliarsi lo spazio per riporle, quando non vengono utilizzate. Per motivi estetici e soprattutto per motivi di sicurezza, infatti, è bene non lasciare macchinari per la pulizia in vista. Ragazzi e bambini in particolare potrebbero esserne attratti, giocarci con leggerezza e causare dei danni o peggio farsi del male.

 

Accessori… necessari

Esclusi i fondamentali dell’arredo e della pulizia, rimangono le attrezzature accessorie, quelle in grado di rendere davvero indimenticabile la vacanza in uno stabilimento balneare: elementi per campi sportivi, gonfiabili per bambini e ragazzi, scivoli e piscine.

 

Potrai pensare che non sono necessari, dopo tutto: è possibile giocare a pallone o a racchettoni anche sulla battigia, o nell’acqua bassa. L’adrenalina e il divertimento di una partita “vera” a beach volley o beach tennis, con un campo regolamentare, una rete all’altezza giusta e magari anche una sedia per arbitri, sono tutta un’altra cosa!

Condividi:


Come riempire uno stabilimento balneare anche nella bassa stagione
Come fare ad aprire uno stabilimento balneare: leggi, burocrazia, consigli
Il caso del lido di Pescaria a Trani, boom di prenotazioni con Cocobuk
previous arrow
next arrow
Slider
Cocobuk Manager

Tutto quello di cui hai bisogno per gestire la tua spiaggia e le prenotazioni online.

Scopri di più